Il Ministero dell’Ambiente sta per avviare la sperimentazione sul prototipo di Registro Elettroniconazionale dei rifiuti (R.E.N.)

0
667

Lo scorso 21 dicembre 2020 il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) ha convocato le associazioni di categoria, tra cui Confagricoltura, per illustrare lo stato di avanzamento dei lavori del Registro elettronico nazionale dei rifiuti (REN) e la necessità di procedere con l’avvio di una sperimentazione su un prototipo realizzato dal Ministero stesso in collaborazione con l’Albo nazionale gestori ambientali e il sistema camerale. Verrà selezionato un campione rappresentativo di circa 150 azienda su tutto il territorio nazionale, di tutti i settori e dimensioni di azienda. Prerequisito per la partecipazione delle aziende è il possesso di un software gestionale dei rifiuti.

In tale contesto Confagricoltura ha ribadito che il settore agricolo sia in ragione delle specificità settoriali che delle esigue quantità di rifiuti prodotti, nel tempo ha sviluppato un sistema organizzativo di gestione dei propri rifiuti diverso dagli altri settori, attraverso la diffusione dei “circuiti organizzati di raccolta”. Sistema organizzativo che è stato anche confermato dalla recente modifica normativa sui rifiuti (D.Lgs. n. 116/2020).

Tale sistema prevede la gestione autonoma dei rifiuti da parte di ciascuna azienda e, di norma, non prevede l’uso di software gestionali. Per tale ragione è stato chiesto un incontro, nel proseguo delle attività, con lo stesso MATTM al fine di condividere le eventuali problematiche che emergeranno dall’applicazione del REN per il settore agricolo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.