Confagricoltura Puglia e Basilicata: Primitivo, bene la difesa da parte delle Istituzioni ma adesso servono investimenti nella promozione delle eccellenze enogastronomiche regionali

0
243

“Il tentativo della Regione Sicilia di appropriarsi di una varietà d’eccellenza tipica pugliese e lucana ha portato alla luce l’importanza del vitigno Primitivo e dell’eccezionale vino prodotto dalla lavorazione delle sue uve”, Confagricoltura Puglia e Confagricoltura Basilicata tornano su quella che è stata definita dalla stampa la Guerra del Primitivo. “Le rassicurazioni della ministra dell’Agricoltura Teresa Bellanova, del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, di parlamentari e di consiglieri regionali ci confortano – dicono i presidenti regionali Luca Lazzàro (Puglia) e Francesco Paolo Battifarano (Basilicata) – È un segnale forte di vicinanza al mondo dell’agricoltura e dell’enologia, realtà che creano occupazione e contribuiscono in modo sostanziale alla costituzione del Pil. Quando per primi come Organizzazioni di categoria regionali abbiamo denunciato il problema e le gravi conseguenze ci attendavamo una convergenza politica e associativa che per fortuna è arrivata. Alla risposta del mondo politico regionale e all’importante presa di posizione di ieri della ministra Bellanova si sono uniti il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria doc e docg, il Consorzio del Salice Salentino doc, il Consorzio del Primitivo di Gioia del Colle doc, Consorzio Matera Doc, il Consorzio di Brindisi e Squinzano doc, il Consorzio dei vini doc e docg Castel del Monte, l’Associazione Nazionale Le Donne del Vino delegazione Puglia, il Consorzio Movimento Turismo del Vino Puglia, Assoenologi Puglia Basilicata e Calabria. “Ribadiamo – spiegano che l’enogastronomia italiana è amata in tutto il mondo perché ogni regione ha la sua tipicità, la sua tradizione. Se tutti producessero tutto sarebbe la fine di una peculiarità quasi esclusiva del nostro Paese nel panorama mondiale”

“Adesso – concludono Confagricoltura Puglia e Basilicata –  che è comprovato quanto è importante mantenere le specificità del territorio, auspichiamo una veloce riapertura in sicurezza del circuito Ho.Re.Ca. (hotel, ristoranti e bar) e che questa attenzione verso il Primitivo prosegua con la tutela e la valorizzazione di tutte le eccellenze enogastronomiche della Puglia e della Basilicata: perché è impensabile difendere le tipicità regionali e non investire risorse per farle conoscere e apprezzare in tutto il mondo.

Luca Lazzàro

Francesco Paolo Battifarano

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.