Brexit, Giansanti (Confagricoltura): senza accordo con Regno Unito più difficile la ripresa post covid

Attese novità dall’incontro di lunedì dei leader UE con il premier Johnson
0
260

“Sarebbe dannoso se al pesante impatto sociale ed economico dell’emergenza Coronavirus si aggiungessero dall’inizio dell’anno venturo le conseguenze di un mancato accordo commerciale tra UE e Regno Unito”.

E’ la dichiarazione rilasciata dal presidente della Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, in vista dell’incontro tra i leader delle Istituzioni dell’Unione con il primo ministro britannico, in programma lunedì prossimo, 15 giugno. “Ci auguriamo – aggiunge Giansanti – che arrivino utili indicazioni per rilanciare un negoziato che finora non ha fatto registrare sostanziali passi in avanti”.

Confagricoltura ricorda che, dopo il recesso del Regno Unito, è partito un periodo transitorio esteso fino al prossimo 31 dicembre, durante il quale continuano a valere sul piano bilaterale le regole dell’Unione. Senza un accordo, dall’inizio del 2021, sull’interscambio commerciale si applicherebbe la normativa dell’Organizzazione mondiale del commercio (WTO) con il ripristino dei dazi doganali e dei controlli alle frontiere.

“A nostro avviso, l’estensione del periodo transitorio sarebbe la soluzione migliore – sottolinea il presidente di Confagricoltura – ma il Regno Unito ha finora tassativamente escluso questa ipotesi”.

“Risulta che il governo di Londra sia disponibile ad applicare, a partire dal 1° gennaio 2021, un ‘regime leggero’ di controlli sui prodotti in arrivo dalla UE. Sarebbe un segnale di apertura da cogliere, per rilanciare le trattative ed evitare il blocco o il vistoso rallentamento delle nostre esportazioni sul mercato britannico”.

Confagricoltura segnala che le esportazioni agroalimentari italiane verso il Regno Unito ammontano a 3,4 miliardi di euro l’anno. Vino e spumanti i prodotti più apprezzati dai consumatori britannici. In evidenza anche formaggi e ortofrutta trasformata.

“Siamo favorevoli a un accordo bilaterale di libero scambio senza dazi e contingenti e con il riconoscimento del sistema europeo sulle indicazioni geografiche e di qualità – evidenzia Giansanti – La nostra posizione è pienamente condivisa dall’associazione degli agricoltori britannici (NFU), che ha anche lanciato una petizione pubblica per scongiurare, a seguito del recesso dalla UE, un aumento delle importazioni agroalimentari al di sotto dei vigenti criteri in materia di sicurezza alimentare, protezione dell’ambiente e delle risorse naturali”. In pochi giorni, la petizione è stata firmata da un milione di cittadini britannici.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.